I Sextons

Dopo lo scioglimento della Band "The Skippers", Anselmo Genovese costituì nel giro di un mese, quella degli "The Sextons", che sempre nel breve giro di alcune settimane spopolò in provincia in competizione con il gruppo che andava allora per la maggiore i "The Kites". L'estro e l'inventiva musicale di Genovese però, nonostante la bravura dei Kites, la fece, - se così si può dire, - da padrone. Componendo infatti - per quell'epoca - una delle canzoni più in voga tra i sostenitori di entrambi i gruppi da titolo "Ora"; che pareva cucita addosso ai Kites stessi. E che i Kites presentarono come canzone inedita, richiesta come da regolamento dagli organizzatori del mitico "Festival di Rapallo".
Con quella e per quella canzone - fermo restando che erano comunque piaciuti per il loro affiatamento e tecnica musicale esecutiva, vinsero la competizione ottenendo il loro primo vero contratto discografico stipulato con l'RCA.

Da sinistra:
Enrico Marchesini con il Basso;
Ettore Piazza con la chitarra di Genovese;
Anselmo Genovese con le braccia conserte al microfono che gorgheggia. Ma solo lui sa cosa.
 
Da sinistra:
Enrico Marchesini al Basso;
Win Smith alla Chitarra;
Fausto Biamonti Batteria;
Anselmo Genovese Chitarra e Canto.
L'amore dice sempre a quelli come noi, io sono la certezza che non sbaglia mai; ma presto o tardi arriva l'ora di partire, con la tristezza antica di chi va per mare.
Ornella Vanoni - Il tempo di impazzire

Log in

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, utili al corretto funzionamento del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento del sito acconsenti all'uso dei cookie.